Categorie

Risoluzione dei problemi di interferenza

L'interferenza è fastidiosa e spesso frustrante, specialmente quando i problemi sono intermittenti o quando sembra che un problema sia stato risolto, per poi tornare in seguito. Gli sforzi per correggere i problemi di interferenza sono spesso complicati dal fatto che ci sono diversi tipi di interferenza e ognuno richiede un approccio diverso e una soluzione diversa. A volte una "soluzione rapida" funzionerà, più spesso no. A meno che il problema non sia molto semplice, l'unico approccio veramente produttivo è quello ordinato e sistematico che trova la causa del problema specifico, quindi applica le opportune azioni correttive. Questa sezione illustra come evitare i problemi di base , è davvero il wireless? E l' interferenza di identificazione. 

Evitare problemi di base 
A volte i problemi di interferenza hanno cause molto elementari. Per evitare perdite di tempo su un problema facilmente correggibile, controllare i seguenti elementi prima di procedere: 

    • Accertarsi che nessun trasmettitore radio, incluso il trasmettitore del sistema o quelli per altri sistemi wireless, possa avvicinarsi di circa 10-15 piedi (da 3 a 4,5 m) alle antenne riceventi wireless. Ciò può sovraccaricare i ricevitori e aumentare le possibilità di interferenze.

    • Assicurarsi di non permettere alle antenne del ricevitore di toccarsi l'un l'altro quando si organizzano i ricevitori. Assicurati in particolare che le antenne di un ricevitore non tocchino o si avvicinino troppo a quelle di un altro ricevitore. Prova a fornire almeno 10 pollici (25 cm) di separazione tra le antenne di due ricevitori.

    • Assicurarsi che tutti i trasmettitori abbiano buone batterie. La bassa tensione di uscita delle batterie deboli può causare la generazione di interferenze dannose su alcuni trasmettitori. In caso di dubbi, installare una nuova batteria alcalina nuova in tutti i trasmettitori wireless.

    • Se si dispone di un sistema di "combinazione" (palmare + body pack) con due trasmettitori sulla stessa frequenza o due sistemi wireless sulla stessa frequenza, assicurarsi che entrambi i trasmettitori non possano essere accesi contemporaneamente.

    • Controllare l'impostazione del controllo dello squelch sul ricevitore. Un'impostazione più alta dello squelch fornisce una migliore protezione contro le interferenze. Tuttavia, poiché un'impostazione alta può anche causare una riduzione dell'intervallo operativo, impostare il controllo sulla posizione più bassa in modo da disattivare l'audio in modo affidabile.

È davvero il wireless? 
Non tutto il rumore nei sistemi audio che utilizzano il wireless è dovuto a interferenze o persino all'apparecchiatura wireless stessa. Poiché l'interferenza è un problema noto con il wireless, è comune accusarlo di rumore audio indesiderato. A volte, tuttavia, il vero problema è altrove. Ad esempio, le stazioni radio AM possono introdurre rumore in un sistema audio attraverso i circuiti di ingresso del mixer o degli amplificatori. Poiché l'interferenza è chiaramente una stazione radio, è facile saltare alla conclusione che proviene dal wireless. Riconoscere l'effettiva fonte del problema può aiutare a evitare sforzi infruttuosi per correggere un problema del sistema wireless inesistente. 

Il primo passo è determinare dove l'interferenza sta entrando nel sistema audio. 

Prova quanto segue: 

  • Assicurarsi che sia davvero un sistema wireless in errore. Provare a spegnere momentaneamente i ricevitori wireless e scollegare i cavi audio. Se il problema è ancora presente con i ricevitori spenti o con i cavi scollegati, il problema è quasi certamente altrove nel sistema audio, non nel wireless. 

  • Spegnere tutti i trasmettitori wireless e accertarsi che tutti gli indicatori del "segnale" del ricevitore si spengano. Ascolta il sistema audio per vedere se il problema è ancora presente. Se lo è, probabilmente il problema non è l'interferenza radio, ma un tipo di interferenza non wireless [1]. Se gli indicatori "segnale" non si spengono, potrebbero esserci problemi di squelch [2]. 


Se l'interferenza è presente solo quando l'indicatore RF del ricevitore è acceso e la possibilità che il rumore penetri nel sistema audio altrove è stata eliminata, è probabile che il wireless stia vivendo un qualche tipo di interferenza esterna. 

Identificazione dell'interferenza 
Il prossimo passo è determinare quale tipo di interferenza si sta verificando. Esistono diversi tipi di interferenze, ciascuna con una causa diversa e ciascuna richiede una soluzione diversa. Sfortunatamente, le azioni volte a correggere un problema possono avere qualche effetto anche quando non affrontano la vera fonte del problema. Ciò incoraggia lo spreco di tempo e sforzi nell'area sbagliata e può aumentare notevolmente il livello di frustrazione. Tuttavia, se è noto il tipo di interferenza effettivamente verificatosi, gli sforzi per correggere il problema hanno molte più probabilità di successo. 

I tasti per identificare il tipo di interferenza presenti stanno osservando le indicazioni del ricevitore e ascoltando attentamente l'audio. Un buon set di cuffie può essere uno strumento molto utile per isolare e analizzare i problemi di interferenza. Con le cuffie è facile ascoltare un canale wireless alla volta, anche mentre il sistema è in uso. Sfortunatamente, alcuni problemi di interferenza si verificano solo in condizioni live, quando tutte le apparecchiature sono in uso. 

Leggi le descrizioni dei problemi qui sotto per trovare quella che corrisponde ai sintomi che stai riscontrando. Quindi fare clic sui collegamenti per andare ai suggerimenti per correggere quel particolare problema. 

    • Se il problema di interferenza principale si verifica solo quando il trasmettitore del sistema wireless è disattivato, per prima cosa controlla se il controllo dello squelch del ricevitore è impostato al centro della sua portata o superiore (vedi problemi di squelch [2]). In tal caso, potrebbe esserci un problema con le interferenze a basso livello [3].

    • Se ci sono interferenze quando il trasmettitore è spento e rumore o distorsione sull'audio del ricevitore quando il trasmettitore è acceso, provare a spegnere tutti gli altri trasmettitori wireless. Se il problema di interferenza è ancora presente, potrebbe esserci un problema di alto livello o di interferenza radio diretta.L'interferenza diretta [4] è un problema serio che deve essere corretto affinché il sistema wireless sia pienamente utilizzabile.

    • Se c'è un'interferenza quando il trasmettitore di sistema è acceso, ma scompare quando gli altri trasmettitori wireless sono spenti, potrebbe esserci un problema con l' interferenza di intermodulazione [5].

    • Interferenze che prendono la forma di toni audio di basso livello, piagnucolii, suoni lamentosi il cui passo cambia rapidamente o voci o musica udibili (distorti o meno) possono essere causati da interferenze di intermodulazione [5], interferenza non wireless [1] o interferenza diretta [4].

    • Se c'è un'interferenza quando il trasmettitore di sistema è acceso, e si presenta sotto forma di ronzii ronzanti o squitti con una cadenza o un ritmo distinti che cambia di volta in volta, l'interferenza digitale [6] potrebbe essere il problema. Sorgenti probabili includono computer, ritardi digitali, processori di effetti, controller di illuminazione e altre apparecchiature che utilizzano microprocessori e processori di segnali digitali (DSP).

    • Se non vi sono interferenze quando il trasmettitore del sistema è spento e rumori irregolari, scoppiettii o ronzii sull'audio con il trasmettitore acceso, potrebbero esserci problemi di interferenza elettrica. Questo tipo di interferenza è spesso causata da motori elettrici, luci al neon, dispositivi di illuminazione, elettrodomestici e altri tipi di apparecchiature elettriche. Le interferenze elettriche [7] generalmente interessano tutti i sistemi wireless in un luogo, non solo un sistema.

    • Un tipo di ronzio è in realtà dovuto alle interferenze delle stazioni TV. Se il ronzio cambia sostanzialmente a intervalli più o meno casuali e non sembra essere causato da apparecchiature elettriche, il problema potrebbe essere l' interferenza TV [8].

    • Le interferenze che si manifestano in caso di crash di raffiche statiche o brevi possono essere causate da fulmini, archi intermittenti o macchinari elettrici difettosi. Questo tipo di interferenza casuale [9] è piuttosto raro ma può essere tra i più difficili da risolvere.


Se nessuna delle descrizioni sembra corrispondere esattamente al tuo particolare problema, o l'informazione non è chiara, vedi Tipi di interferenza. Il rivenditore può anche essere in grado di offrire assistenza e conoscere le condizioni locali insolite che potrebbero influire sul problema. Se il rivenditore non è in grado di fornire assistenza, i proprietari di apparecchiature wireless  possono ottenere assistenza telefonica dalla fabbrica.

Interferenze non wireless [1] 
I sistemi audio possono essere influenzati da interferenze da stazioni radio AM, trasmettitori TV, sistemi radar e molti tipi di apparecchiature elettriche. L'interferenza di solito entra nel sistema audio tramite i cavi audio al mixer (console) o agli amplificatori di potenza, o tramite le linee di alimentazione CA. Le stazioni radio AM sono una fonte comune di problemi, ma solitamente solo quando la stazione è molto potente e vicina. Anche con 50.000 stazioni watt, i problemi sono rari quando la stazione è a più di un miglio o due di distanza. Le stazioni TV ad alta potenza possono causare problemi a distanze di 3 km o più. Le stazioni TV UHF sono talvolta molto potenti (500.000 watt o anche più) e possono causare interferenze fino a 4-5 km. 

L'interferenza radio AM di solito causa la presenza di discorsi o musica distorti nell'audio. L'interferenza della stazione TV assume solitamente la forma di un ronzio che cambia di volta in volta di intensità. L'interferenza AM è facile da rintracciare verso una particolare stazione semplicemente sintonizzando una radio AM attraverso le stazioni locali. Le interferenze TV possono essere identificate guardando i canali locali e ascoltando i cambiamenti udibili che coincidono con i cambiamenti della scena TV. È importante ricordare che il problema è con l'apparecchiatura audio; è altamente improbabile che qualsiasi difetto alla radio o alla TV sia in errore. 

I sistemi radar, compresi i sistemi radar aeroportuali, la ricerca militare e i radar meteorologici, a volte influenzano i sistemi audio. L'interferenza radar di solito assume la forma di ronzio acuto o scoppi di rumore che si verificano ogni pochi secondi. Molti radar ad alta potenza ruotano alcune volte al minuto e causano interferenze solo quando sono puntati nella direzione del sistema audio. Come per le interferenze radio e TV AM, l'interferenza radar è probabile solo quando il radar è abbastanza vicino, di solito quando non si trova a più di una distanza da 1,5 a 5 km. 

Questi tipi di interferenze a volte possono essere difficili da eliminare. Migliorare la messa a terra delle attrezzature a volte aiuta, specialmente quando l'unica terra è sul pannello elettrico a una certa distanza. Schermare o filtrare i cavi audio dove entrano nell'attrezzatura, in particolare i mixer e gli amplificatori di potenza, è spesso di aiuto. I cavi audio di avvolgimento e l'aggiunta di filtri in ferrite sui connettori dei cavi possono essere molto utili. Alcune apparecchiature potrebbero non avere un filtro adeguato sui loro circuiti di ingresso. Di solito la migliore risorsa di informazioni è il produttore dell'attrezzatura; la maggior parte può fornire almeno un po 'di supporto. 

L'interferenza può anche entrare nei sistemi audio attraverso le linee elettriche AC. A volte questo è il percorso seguito dalle interferenze dei trasmettitori di radiodiffusione e radar. Le interferenze elettriche causate da macchinari pesanti, dispositivi di illuminazione e altre apparecchiature elettriche possono viaggiare lungo le linee elettriche. Ciò è particolarmente probabile nelle aree industriali in cui sono in funzione saldatori ad arco, motori di grandi dimensioni, controller elettrici ad alta potenza e apparecchiature simili. Questo tipo di interferenza può assumere molte forme, ma i ronzii alla frequenza della linea di alimentazione e le armoniche, le raffiche di rumore casuale e i rumori di tipo statico sono più comuni. 

Le apparecchiature audio di diversi produttori e persino i diversi modelli dello stesso produttore possono variare notevolmente nella loro capacità di rifiutare le interferenze. A volte la soluzione più semplice e rapida per un problema di interferenza è semplicemente quella di cambiare il fastidioso equipaggiamento per uno più robusto. Quando il sistema audio si trova vicino a trasmettitori ad alta potenza o apparecchiature elettriche pesanti, è opportuno considerare la possibilità di interferenze nella pianificazione degli acquisti di apparecchiature. Un accordo che consente lo scambio di attrezzature in caso di problemi può aiutare a evitare di ricorrere a soluzioni lunghe e più costose. 

Problemi di squelch [2] 
Se l'indicatore RF sul ricevitore non si spegne quando il trasmettitore del sistema è spento, potrebbero esserci delle interferenze di basso livello. Ai fini della verifica della fonte dell'interferenza, contrassegnare prima la posizione del controllo dello squelch sul ricevitore, quindi impostare il controllo sul massimo (la sua posizione completamente in senso orario). Se l'indicatore del segnale non si spegne con il controllo dello squelch impostato al massimo, è probabile che siano presenti gravi interferenze. 

Se l'indicatore del segnale si spegne al massimo dello squelch e c'è ancora un'interferenza nel sistema, è probabile che il problema principale non sia nel sistema wireless. Tuttavia, potrebbe esserci anche un problema di interferenza di basso livello meno grave nel wireless. Non dimenticare di riportare il controllo dello squelch nella sua posizione originale al termine del test, altrimenti è probabile che l'intervallo di sistema venga notevolmente ridotto. 

L'interferenza non wireless [1] di solito è ancora udibile quando il ricevitore viene silenziato. L'interferenza di basso livello [3] è relativamente comune quando si usano i sistemi di microfoni wireless, ma non è necessariamente un problema serio. 


Interferenze di basso livello [3] 
La maggior parte delle radiofrequenze è condivisa da molti utenti diversi. Inoltre, molti tipi di apparecchiature elettroniche, tra cui televisori, videoregistratori, ricevitori radio, computer e periferiche, dispositivi di elaborazione del segnale e tutti i tipi di apparecchiature di comunicazione possono generare involontariamente piccole quantità di energia in radiofrequenza (RF). Di conseguenza, ci sono quasi sempre segnali radio deboli presenti su qualsiasi frequenza che può essere utilizzata per un sistema di microfoni wireless. 

Il più delle volte, questi segnali sono troppo deboli per influenzare un sistema wireless, specialmente quando il trasmettitore è acceso e il sistema è in funzione.Tuttavia, se il trasmettitore è spento, a volte c'è abbastanza segnale per far funzionare i circuiti dello squelch nel ricevitore. Quando ciò accade, il risultato sarà un segnale audio indesiderato dal ricevitore, spesso sotto forma di rumore forte e statico. A meno che il segnale di interferenza non sia forte, non influirà in modo significativo sulla qualità dell'audio quando il trasmettitore è acceso. 

È importante considerare che il ricevitore sta facendo più o meno ciò che è stato progettato per fare - ricevere un segnale radio su una particolare frequenza. Poiché il trasmettitore wireless è spento, il segnale non è quello desiderato, quindi è considerato "interferenza". Esistono almeno tre possibili soluzioni a questo problema: regolare il controllo dello squelch del ricevitore fino a quando il segnale debole non viene più ricevuto, utilizzare un sistema wireless dotato di circuiti speciali per ridurre la possibilità di audio indesiderato o operare in modo da evitare il problema . 

La maggior parte dei ricevitori wireless  dispone di un controllo di regolazione dello squelch. Quando questo controllo viene attivato (in senso orario) è necessario un segnale radio sempre più forte per aprire i circuiti dello squelch e far passare l'audio. Di solito, è possibile trovare un punto in cui il segnale di interferenza debole non può più aprire i circuiti dello squelch e l'interferenza si interrompe. Sfortunatamente, alzare il controllo dello squelch ridurrà anche la portata massima del sistema wireless. Ciò è dovuto al fatto che un'impostazione di squelch più alta o "più stretta" richiede che sia presente un segnale radio più forte affinché l'audio possa essere trasmesso, incluso il segnale dal trasmettitore di sistema. Per evitare di ridurre la portata, non ruotare il controllo dello squelch più in alto di quanto assolutamente necessario per eliminare le interferenze. 

Alcuni sistemi wireless includono circuiti speciali per ridurre le possibilità che i circuiti dello squelch del ricevitore lascino passare l'audio indesiderato. Sebbene non sia infallibile, questo circuito speciale riduce notevolmente le possibilità che si verifichino rumori indesiderati quando il trasmettitore viene spento. Tuttavia, i circuiti speciali non possono fare nulla per ridurre gli effetti delle interferenze quando il trasmettitore è acceso e l'audio potrebbe essere ancora disturbato o distorto. 

È possibile evitare gli effetti delle interferenze di basso livello semplicemente disattivando l'audio dal ricevitore wireless quando il trasmettitore non è acceso. Prima accendendo il trasmettitore, quindi sollevando l'audio, utilizzando il sistema, quindi disattivando l'audio e infine spegnendo il trasmettitore, è improbabile che un livello basso di interferenze diventi un problema. In ogni caso, è sempre una buona idea disattivare l'audio da un sistema wireless quando non viene utilizzato perché c'è sempre almeno una leggera possibilità di qualche tipo di interferenza. 

Interferenza diretta [4] 
L'interferenza diretta si verifica quando c'è un altro forte segnale radio sulla frequenza utilizzata dal sistema wireless. A seconda della forza del segnale interferente, l'effetto può variare da toni deboli, fischi e rumori nell'audio a toni molto alti o rumori forti che rendono il sistema wireless completamente inutilizzabile. L'interferenza diretta può anche causare altri problemi audio come rumore eccessivo, distorsione, variazioni di livello impreviste e cambiamenti nella qualità e nel carattere del suono. 

Esistono numerose possibili fonti di interferenza diretta ai sistemi wireless, inclusi altri sistemi wireless, trasmettitori TV, trasmettitori di comunicazioni e uscite spuri provenienti da apparecchiature di comunicazione, computer, dispositivi digitali e apparecchiature industriali. La sorgente di interferenza potrebbe trasmettere intenzionalmente un segnale per l'uso da parte di un altro tipo di ricevitore, oppure la trasmissione potrebbe essere involontaria o accidentale. In entrambi i casi, finché è presente l'altro segnale radio, il sistema wireless avrà problemi. 

I trasmettitori TV sono molto potenti e possono influenzare i sistemi wireless a distanze di 100 miglia (160 km) o più. Quando si verificano interferenze, uno dei primi passi dovrebbe essere quello di determinare se la frequenza wireless si trova su un canale TV che è in uso nell'area. Qualsiasi frequenza wireless all'interno di un canale TV locale largo 6 MHz è soggetta a gravi interferenze. 

Sorprendentemente spesso, i problemi di interferenza sono dovuti a un altro trasmettitore wireless nel luogo. Questo può essere l'altro trasmettitore in un sistema di "combinazione" che ha sia trasmettitori palmari e body-pack, sia il trasmettitore da un altro sistema wireless. Spesso, l'esistenza del secondo sistema wireless è sconosciuta, forse perché è in un'altra stanza o in un altro edificio. Tenere traccia dei sistemi wireless può essere particolarmente difficile nelle situazioni in cui i visitatori portano la propria attrezzatura wireless. 

Anche l'altro sistema wireless potrebbe trovarsi a una distanza considerevole. L'interferenza è possibile a distanze fino a 3.000 piedi (900 m), anche di più in determinate condizioni. Quando si verificano interferenze, è necessario verificare attentamente se nella stessa posizione sono presenti sistemi wireless sulla stessa frequenza. Si consiglia inoltre di controllare la zona vicina per altri sistemi wireless operativi, se questo è fattibile. Il sistema senza fili interferente potrebbe trovarsi in un'altra parte dell'edificio o in un edificio vicino, forse anche a due o tre isolati di distanza. 

È inoltre necessario verificare la presenza di altri trasmettitori wireless che si trovano su frequenze vicine a quelle del sistema che riceve l'interferenza. Per sicurezza, è meglio che le due frequenze wireless siano distanti almeno 1 MHz. A seconda del tipo di apparecchiatura, potrebbe essere sicuro utilizzare frequenze più vicine tra loro. Il miglior test è semplicemente spegnere l'altro trasmettitore e vedere se l'interferenza si arresta. Se è così, le frequenze sono troppo vicine tra loro. Tenere presente che la separazione della frequenza richiesta aumenta quando il trasmettitore interferente si avvicina alle antenne del ricevitore. 

Altri tipi di trasmettitori possono causare interferenze. Un controllo rapido è quello di accertarsi che la frequenza wireless non sia il doppio di quella di una stazione radio FM locale. I trasmettitori FM generano una piccola quantità di energia armonica che può influire sui ricevitori wireless. I trasmettitori radio bidirezionali vicini possono influenzare i sistemi wireless. Altri tipi di trasmettitori e sistemi di comunicazione possono avere output spuri che si avvicinano alle frequenze del microfono wireless. 

I sistemi di TV via cavo utilizzano spesso quasi tutti i canali TV. Se un tale sistema si trova nelle vicinanze, è possibile che si verifichi una fuoriuscita di energia radio su un canale TV che si ritiene non sia utilizzato nell'area. Allo stesso modo, televisori, videoregistratori, antenne paraboliche e altri apparecchi TV e video possono causare interferenze wireless. I telefoni cordless e altri dispositivi simili possono anche essere fonti di interferenze. Quasi tutti i dispositivi elettronici che producono o usano l'energia radio possono potenzialmente essere una fonte di interferenza, specialmente se si trovano vicino alle antenne del ricevitore. 

I computer e i dispositivi digitali possono causare interferenze dirette. La maggior parte dei computer e dei dispositivi digitali perde almeno una piccola quantità di energia radio, abbastanza spesso da influire su un ricevitore wireless nelle vicinanze. 

Chiaramente, è più o meno impossibile essere a conoscenza di ogni frequenza presente in una particolare posizione. Detto questo, l'approccio migliore è quello di eliminare innanzitutto le cause più ovvie di interferenza, quindi tentare di eliminare quante più possibilità possibili, una per una. L'approccio raccomandato è il seguente: 

    • Riconfermare che si tratta davvero di interferenza diretta. In tal caso, le interferenze saranno quasi sempre presenti (in diverse forme) con il trasmettitore di sistema acceso o spento.

    • Assicurarsi che due trasmettitori wireless sulla stessa frequenza non siano entrambi accesi allo stesso tempo.

    • Verificare che la frequenza wireless non sia su un canale TV in uso locale.

    • Verificare la presenza di interferenze nei sistemi wireless che si trovano a circa 1 MHz dalla frequenza del sistema.

    • Verificare la presenza di altre fonti esterne ovvie, in particolare un'armonica di un trasmettitore radio FM, sistemi TV via cavo e qualsiasi tipo di trasmettitore radio.


Una volta fatto questo, provare a spegnere le altre possibili fonti di interferenza uno alla volta. Se ciò è impossibile, provare a verificare l'eventuale presenza di interferenze quando l'apparecchiatura è normalmente non alimentata. Prestare particolare attenzione alle comunicazioni e alle apparecchiature TV, compresi gli apparecchi TV via cavo, i telefoni cordless e le apparecchiature radio a due vie. Inoltre, controlla attentamente computer, stampanti, processori di effetti, controller di illuminazione e altri dispositivi digitali. Osservare l'attività nell'area e cercare di determinare se le modifiche nell'ingerenza corrispondono a eventi particolari oa determinate attività. 

A volte la causa dell'interferenza risulta estremamente difficile da identificare. In altri casi, la causa diventa nota, ma non è pratico correggere il problema all'origine. In queste situazioni, di solito sarà più semplice e più veloce cambiare la frequenza wireless. 

Se la frequenza wireless viene modificata, le informazioni raccolte durante la ricerca di interferenza saranno molto utili e ridurranno notevolmente le possibilità di finire con un'altra frequenza di problema. In particolare, consentirà di selezionare una nuova frequenza che eviti i canali TV locali, altre frequenze wireless nel luogo e altre frequenze problematiche identificate. Queste sono le fonti più probabili di interferenza, quindi la loro eliminazione ridurrà notevolmente le possibilità di ulteriori problemi.

Intermodulazione Interferenza [5] 
L'interferenza di intermodulazione o "intermod" viene generata nel ricevitore wireless dalla combinazione di due o più forti segnali di interferenza. A differenza delle interferenze dirette, non è necessario che i segnali interferenti si trovino su frequenze vicine alla frequenza wireless. Con l'intermodulazione, i segnali interferenti si mescolano nel ricevitore wireless per creare un segnale interno vicino alla frequenza del ricevitore. Questo segnale generato internamente interferisce quindi con il normale funzionamento del sistema wireless. 

L'intermodulazione è solitamente causata dai segnali provenienti da altri sistemi wireless nel luogo o dai segnali TV. Spesso, il segnale di un trasmettitore wireless si combina con un segnale TV forte per creare interferenze su un altro sistema wireless. Poiché i segnali possono combinarsi in modi complicati, raramente è possibile esaminare un elenco di frequenze e individuare quelli che causano problemi di intermodulazione. Inoltre, indipendentemente dal fatto che un particolare insieme di segnali possa effettivamente causare gravi interferenze dipende in gran parte dalla loro forza. 

La quantità di intermodulazione prodotta in un ricevitore da segnali esterni aumenta rapidamente man mano che diventano più forti. L'intermodulazione richiede anche la presenza di due segnali interferenti; rimuoverne uno o ridurne significativamente il livello di solito eliminerà il problema. Questi sono due dei motivi per cui è consigliabile mantenere tutti i trasmettitori ad almeno 10-15 piedi (da 3 a 4,5 m) dalle antenne del ricevitore. Se si sospetta un'interferenza di intermodulazione, una delle prime cose da provare è spostare tutti i trasmettitori più lontano dai ricevitori. 

Un test rapido per l'interferenza di intermodulazione consiste semplicemente nello spegnere uno ad uno altri trasmettitori nell'area. Molto spesso, si scoprirà che spegnere un particolare trasmettitore eliminerà completamente il problema. In questo caso, è molto probabile che il problema sia dovuto all'intermodulazione. Va anche notato che l'intermodulazione funziona in entrambe le direzioni; se un particolare trasmettitore wireless interferisce con un ricevitore wireless, è probabile che anche il secondo trasmettitore interferisca con il ricevitore del primo sistema. Se è così, è virtualmente certo che il problema è l'intermodulazione. 

Quando l'intermodulazione è causata da segnali TV e altre fonti esterne, potrebbe non essere possibile spegnere o spostare le sorgenti. A volte il ricevitore wireless può essere spostato in un'altra posizione in cui uno o entrambi i segnali interferenti sono più deboli, riducendo gli effetti dell'interferenza. Questo raramente cura il problema, ma è una buona indicazione che il problema è dovuto all'intermodulazione. 

In generale, la risoluzione dei problemi di intermodulazione richiede che venga cambiata una delle frequenze coinvolte. Tuttavia, a volte è possibile cambiare il funzionamento di un sistema audio per evitare combinazioni di trasmettitori wireless che causano intermodulazione, almeno se tutti i trasmettitori non devono essere accesi contemporaneamente. La maggior parte dei tipi di intermodulazione coinvolge tre frequenze: due frequenze di trasmissione e una frequenza di ricezione.Cambiare uno qualsiasi dei tre correggerà il problema. 

Interferenze digitali [6] 
Esistono due tipi generali di interferenza digitale: quella dovuta agli oscillatori "orologio" nei computer, nelle periferiche e in altri dispositivi digitali e ciò che è causato dall'elaborazione in un dispositivo digitale. Il primo tipo è solo un'altra forma di interferenza diretta causata dalla perdita di segnali radio alla frequenza di clock digitale o alcuni multipli. L'interferenza assumerà generalmente la forma di un tono costante, solitamente di livello relativamente basso, nell'audio del ricevitore. 

Il secondo tipo di interferenza digitale assume di solito la forma di un ronzio o di un ronzio o di un tono, spesso con cambiamenti occasionali nel carattere del suono.Spesso c'è una cadenza o un ritmo distinti. In alcuni casi, l'interferenza digitale può comportare un elevato livello di rumore sull'audio, inclusi suoni sibilanti e rumori di frittura. Potrebbe non esserci alcun tono rilevabile coinvolto. 

Questo tipo di interferenza è causata dal funzionamento del processore interno (o processore di segnale digitale) nel dispositivo. L'interferenza non è necessariamente a un multiplo della frequenza di clock; invece può essere correlato alla velocità con cui vengono elaborate le istruzioni. Il livello e il carattere dell'interferenza possono variare notevolmente a seconda del tipo e della quantità di elaborazione che si verificano e l'interferenza può scomparire completamente se il dispositivo digitale non viene elaborato attivamente. 

L'interferenza digitale è di solito relativamente facile da identificare. I segnali coinvolti non sono forti e raramente influenzano i sistemi wireless a distanze superiori a circa 6 piedi (2 m). Anche il suono delle interferenze digitali è relativamente unico, quindi è abbastanza facile da riconoscere. Inoltre, di solito è possibile testare l'interferenza di un dispositivo specifico inserendo nuove istruzioni, avviando un nuovo programma o semplicemente spegnendolo momentaneamente. 

L'interferenza digitale di solito è anche relativamente facile da risolvere. La separazione del dispositivo digitale dal ricevitore wireless e dalle sue antenne, a volte anche di soli 20 cm, può risolvere il problema. Può anche essere utile separare i cavi di alimentazione e di segnale del dispositivo digitale da quelli del ricevitore wireless. In alcuni casi, l'interferenza sta viaggiando sul cavo di alimentazione del ricevitore e l'una o l'altra delle unità dovrà essere alimentata da un'altra sorgente, o un filtro di linea elettrica installato. 

Se queste semplici misure non sono efficaci, è probabile che l'unità digitale sia difettosa in qualche modo. Le normative governative limitano rigorosamente la quantità di energia radio vagante che tali apparecchiature possono produrre; non possono causare gravi interferenze a meno che non ci sia un difetto significativo. In questi casi, sarà quasi sempre necessario correggere il problema all'origine, poiché la modifica della frequenza del wireless spesso non è efficace. Ovviamente, separando il ricevitore wireless e l'unità digitale di diversi metri (alcuni metri) e reindirizzando i cavi in ​​genere si risolvono anche i problemi più difficili. 

Interferenze elettriche [7] 
Questo tipo di interferenza è generato da apparecchiature elettriche, in particolare insegne al neon, controller e dimmer di illuminazione, motori elettrici con spazzole, controller di velocità del motore e vari tipi di apparecchiature ad alta tensione. Nella maggior parte dei casi, l'interferenza è causata da un'apparecchiatura difettosa, usurata, mal curata o installata in modo errato. Le apparecchiature elettriche in buone condizioni raramente creano problemi di interferenza. In alcuni casi, tuttavia, le apparecchiature più vecchie che potrebbero essere state progettate e prodotte senza pensare alle interferenze che potrebbero causare possono essere problematiche. 

Le insegne al neon sono una causa ben nota di interferenze elettriche. I segnali correttamente costruiti e installati generalmente non generano interferenze significative a meno che non siano vicino alle antenne wireless. Tuttavia, le insegne al neon che sono vecchie, mal tenute e il cui materiale isolante è sporco o rotto possono produrre pesanti interferenze. I segni al neon che si oscurano possono essere un problema particolare. Le luci fluorescenti difettose, comprese quelle con tubi usurati, possono generare interferenze sostanziali. Le lampadine fluorescenti collegate ai dimmer, i dimmer stessi e gli apparecchi con reattori elettronici sono anche fonti frequenti di problemi. 

I motori elettrici con spazzole sono un'altra fonte comune di interferenze. Questo include molti apparecchi e strumenti, come aspirapolvere, frullatori e robot da cucina, trapani elettrici e utensili con motori a velocità variabile. I dispositivi di controllo del motore e dell'illuminazione, in particolare le unità di controllo dell'illuminazione teatrale più vecchie, sono spesso causa di interferenze elettriche. I relè logori o difettosi, in particolare i relè di avviamento del motore e i contattori di alta potenza, possono causare interferenze durante la commutazione. 

Oltre alle insegne al neon, altri tipi di apparecchiature ad alta tensione possono essere fonti di interferenze. Questi includono TV usurati o difettosi, apparecchiature a raggi X, alcuni tipi di apparecchi di illuminazione e diversi tipi di apparecchiature industriali. Nella maggior parte dei casi, l'interferenza è generata da un arco dovuto a isolamento difettoso o difettoso. Arcing può anche essere un problema con le apparecchiature a bassa tensione. Contatti allentati, fili rotti, isolamento incrinato e altri difetti non solo possono causare gravi interferenze, ma possono anche rappresentare un rischio significativo per la sicurezza. 

L'interferenza elettrica è solitamente abbastanza facile da riconoscere. La maggior parte delle forme causa rumori di ronzio caratteristici a frequenze correlate alla frequenza della linea di alimentazione a 60 Hz. Arcing ha un caratteristico suono di frittura o scoppiettante che di solito è facilmente identificabile. I motori a velocità variabile possono essere distinti dai loro cambi di velocità e dal loro caratteristico suono lamentoso. Le interferenze possono spesso essere correlate ad alcuni eventi, come un cambio di luce, l'utilizzo di un particolare apparecchio o lo sfarfallio di una lampada. In realtà, questo è spesso uno dei modi più veloci per determinare la causa di un problema. 

Quando si verificano interferenze elettriche, il primo passo dovrebbe essere quello di cercare le fonti più probabili. Ciò include insegne al neon, luci fluorescenti che sono tremolanti o insolitamente fioche, controller di illuminazione, dispositivi con motori a velocità variabile e apparecchiature ad alta tensione. Se questo non rivela il problema, il passo successivo è tentare di mettere in relazione l'interferenza con un evento specifico come il funzionamento di una determinata macchina (come l'impianto di condizionamento), l'uso di una certa luce o gruppo di luci, o un attività particolare. Se possibile, spesso aiuterà a spegnere momentaneamente le apparecchiature sospette per vedere se l'interferenza scompare. 

È possibile che la fonte dell'interferenza sia esterna. In questo caso potrebbe essere possibile isolare la causa osservando l'attività nelle vicinanze, determinando l'ora del giorno in cui si verifica l'interferenza e cercando eventi correlati come lampi di luce o rumori. Se sembra relativamente certo che la sorgente di rumore sia interna ma non possa essere localizzata, potrebbe essere saggio fare eseguire un controllo accurato dell'impianto elettrico dell'edificio da parte di un elettricista. 

Se la fonte dell'interferenza è un segno al neon, luci fluorescenti, un motore rumoroso, archi ad alta tensione o una causa simile, sarà quasi certamente necessario correggere il problema alla fonte. In altri casi, potrebbe essere possibile semplicemente riparare o sostituire l'unità difettosa che causa l'interferenza, spostarla più lontano dalle antenne wireless o organizzare che sia spenta quando il wireless è in uso. 

Se la fonte dell'interferenza non può essere identificata, ma non è grave, ci sono alcuni passaggi che possono essere presi per ridurne gli effetti. L'aumento della quantità di segnale disponibile per il ricevitore wireless di solito lo aiuterà a respingere l'interferenza esterna. Spostare il ricevitore più vicino al trasmettitore o utilizzare antenne remote che possono essere posizionate più vicino alla posizione del trasmettitore, sono spesso molto utili. Tuttavia, non avvicinare il trasmettitore a circa 3 m (10 piedi) dalle antenne del ricevitore, poiché ciò può aumentare il rischio di interferenze di intermodulazione. 

In alcuni casi, l'interferenza entra nel ricevitore wireless attraverso le linee di alimentazione CA. www.ilmicrofono.it Gli scaricatori di sovratensione di qualità con filtri RF efficaci possono talvolta interrompere l'interferenza in questa situazione. Si noti che la maggior parte dei "soppressori di sovratensioni" ha un filtro piccolo o assente; solo i modelli deluxe specificati per includere il rumore e i filtri RFI sono probabilmente efficaci. Il miglioramento della messa a terra, soprattutto quando il pannello di alimentazione principale si trova a una distanza considerevole, è spesso di notevole aiuto. Le soluzioni più sofisticate alle interferenze sulle linee di alimentazione CA comprendono trasformatori di isolamento, condizionatori di alimentazione e alcuni tipi di sistemi di alimentazione non interrompibili (unità UPS). 

Una migliore progettazione delle apparecchiature e una maggiore preoccupazione per le interferenze hanno reso l'interferenza elettrica molto meno comune rispetto al passato. Quando si verifica, l'attrezzatura difettosa è ora la causa nella maggior parte dei casi. A causa del potenziale rischio di incendio e di sicurezza elettrica coinvolti, è opportuno valutare l'interferenza elettrica anche se non presenta un problema serio per i sistemi wireless. 

Interferenza canale TV [8] 
Le interferenze dovute ai segnali TV possono a volte sembrare simili a quelle causate dai sistemi elettrici. Una trasmissione di immagini TV trasmette un forte segnale a 30 Hz per la componente verticale dell'immagine. Il segnale a 30 Hz è ricco di armoniche e può suonare molto come molti tipi di interferenze elettriche [7], che si verificano a 60 Hz e armoniche (negli Stati Uniti e in altri paesi). Ciò può creare confusione poiché l'interferenza del canale TV è normalmente il risultato dell'intermodulazione [5] o dell'interferenza diretta [4]. 

Le interferenze dei canali TV di solito si distinguono dalle interferenze elettriche per il fatto che la qualità del suono cambia quando cambia la scena trasmessa.Passare da una scena oscura a una scena luminosa sarà particolarmente evidente. È spesso possibile determinare quale canale TV sta causando l'interferenza ascoltando l'interferenza mentre si fa clic sui canali locali su un televisore. 

Interferenze casuali [9] 
Le interferenze casuali, come suggerisce il nome, sono il risultato di eventi elettrici casuali ad alta energia. Esempi includono fulmini, arco di linee elettriche nel vento, scintille delle linee di alimentazione per locomotive elettriche, saldatura ad arco e macchinari elettrici pesanti difettosi. Il rumore automatico delle candele è stato una volta una delle principali fonti di interferenza casuale, ma i sistemi di accensione moderni raramente causano problemi. Questo tipo di interferenza appare come brevi raffiche di rumore di vario tipo, tra cui fulmini, schiocchi, clic e ronzii. Il disturbo elettrico si verifica quasi sempre su una gamma molto ampia di frequenze radio. 

Raramente è possibile correggere questo tipo di interferenze alla fonte. Le variazioni di frequenza sono normalmente inefficaci a causa dell'ampia gamma di frequenze dell'interferenza. Tuttavia, questo tipo di interferenze diminuisce di intensità all'aumentare della frequenza, pertanto i sistemi wireless UHF hanno generalmente meno probabilità di essere seriamente interessati. Anche la qualità del ricevitore wireless è un fattore; progettazioni di ricevitori più sofisticate di solito forniscono un migliore rifiuto della maggior parte dei tipi di interferenze elettriche. 

Ci sono altri passi che possono essere presi per ridurre gli effetti delle interferenze casuali. Aumentare la quantità di segnale disponibile per il ricevitore wireless aiuterà a respingere le interferenze esterne. Spostare il ricevitore più vicino al trasmettitore o utilizzare antenne remote che possono essere posizionate più vicino alla posizione del trasmettitore, sono spesso molto utili. Tuttavia, non avvicinare il trasmettitore a circa 3 m (10 piedi) dalle antenne del ricevitore, poiché ciò può aumentare il rischio di interferenze di intermodulazione. 

In alcuni casi, le interferenze casuali entrano nel ricevitore wireless (o qualche altra unità nel sistema audio) attraverso le linee di alimentazione CA. Questo può essere sotto forma di rumore a radiofrequenza (RF), o come sovratensioni elettriche, picchi di tensione o scoppi di rumore. Gli scaricatori di sovratensione di qualità con filtri RF efficaci possono ridurre notevolmente gli effetti delle interferenze casuali in molte situazioni. Inoltre, possono proteggere l'attrezzatura dai danni causati da fulmini e sovratensioni. Si noti che la maggior parte dei "soppressori di sovratensioni" ha un filtro piccolo o assente; solo i modelli deluxe specificati per includere il rumore e i filtri RFI sono probabilmente efficaci. Le soluzioni più sofisticate alle interferenze sulle linee di alimentazione CA comprendono trasformatori di isolamento, condizionatori di alimentazione e alcuni tipi di sistemi di alimentazione non interrompibili (unità UPS).